Windows 7: Ripristinare le associazioni ai file di default

I problemi legati all’associazione dei file sono un nodo particolarmente spinoso, in passato abbiamo affrontato l’argomento in questo post, mentre in quest’altro abbiamo visto come ripristinare le associazioni in via generica.
Recentemente un lettore ha riscontrato problemi con i file .EXE.

Questa estensione è fondamentale perché riguarda l’avvio di ogni singolo programma del pc.
Nel caso segnalatomi i file exe erano erroneamente associati ad Internet Explorer.

Per risolvere il problema è necessario mettere mano al registro di sistema.
La gestione delle estensioni è articolata sotto diverse chiavi di registro. Per si ripristinatele dovrebbe creare un file in formato .REG dove scrivere a mano i valori mancanti.
Fortunatamente gli amici del sito SevenForumus.com hanno già elaborato i file .reg delle estensioni di default di Windows 7, pronti da importare.
Attenzione: Questi file del registro sono esclusivamente utilizzabili su Windows 7.

Scarichiamo il file da questo link e, una volta scompattato, facciamo doppio clic sul file inerente all’estensione che volgiamo ripristinare. Confermiamo l’aggiunta delle chiavi al registro cliccando su Si.

Ad aggiunta completata riavviamo il pc e controlliamo che l’associazione dei file sia tornata a funzionare correttamente.

Se le icone dovessero mostrare l’immagine sbagliata occorre resettare la cache delle icone, possiamo farlo semplicemente scaricando e eseguendo questo file .bat. A procedura ultimata avremo finalmente il pieno controllo del pc.

Condividi questo articolo:

3 pensieri riguardo “Windows 7: Ripristinare le associazioni ai file di default

  • 20 ottobre 2016 in 17:03
    Permalink

    Buongiorno,
    mi complimento per la soluzione al problema riportata qui, e volevo chiedere il permesso per fare un tutorial a riguardo su questo articolo, ovviamente, in descrizione al video metterò il link di questo sito, e vi farò pubblicità, ma solamente se otterrò il consenso.

    Attendo ansiosamente una risposta, grazie per l'attenzione.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *