Windows in azienda – Parte 1: Creazione di un dominio con Windows 2008 R2

Inizia con questo post una guida a puntate sulla realizzazione di una piccola rete aziendale con l’impiego di Windows Server 2008. L’obbiettivo dell’opera è quello di realizzare una struttura con un server Domain controller (DC) e l’integrazione di client nel dominio con l’uso di policy.

In questa prima parte iniziamo con la basi: Installeremo Windows Server 2008 R2 Standard e creeremo un dominio per la gestione dell’azienda.


Partiamo quindi con l’installazione. Inseriamo il DVD si Windows 2008 nel lettore della macchina Server e avviamo.

Il processo d’installazione di Windows 2008 R2 è del tutto simile a quello di Windows 7. Una volta scelto il partizionamento dei dischi proseguiamo. Di norma, nei Server, si tende a partizionare i dischi in modo da separare i file di sistema dai dati.
Nel nostro esempio, trattandosi di un Domain Controller e File Server, creeremo due partizioni: la C per il system (ipoteticamente di 80 Gb)e la D per i dati. Ricordo, inoltre, che è consigliabile creare il Server utilizzando la tecnologia RAID, possibilmente 1 o 5, quindi occorre configurare correttamente il controller.

Una volta completata l’installazione ci si presenterà la schermata di Configurazione Iniziale, dove è possibile impostare varie opzioni. Possiamo abilitare il desktop remoto, cambiare il nome del Server, aggiungere e rimuovere Ruoli e funzionalità e molto altro.

La gestione dei Ruoli e delle funzionalità introdotte in Windows Server 2008 semplificano di molte le operazioni di configurazione di un server. Tramite pochi clic possiamo, ad esempio, creare il dominio, un DHCP e un DNS.
Naturalmente prima di creare il dominio mettiamo in sicurezza il Server facendo gli aggiornamenti, installando gli eventuali driver mancanti e installando un buon Antivirus.

Prepariamo il dominio:
Ora che il Server è pronto possiamo procedere alla creazione del dominio vero e proprio.
Clicchiamo su START e digitiamo dcpromo nel campo esegui per avviare l’installazione guidata del servizio Active Directory. Completata la fase preliminare automatica mettiamo la spunta su Utilizza installazione in modalità avanzata e scegliamo in che modo vogliamo gestire il nostro dominio.
Possiamo inserirlo in una foresta esistente oppure creare un nuovo dominio in una nuova foresta.
Essendo il nostro unico DC in azienda utilizziamo l’opzione 2.

Proseguiamo nell’installazione scegliendo il nome NetBIOS che vogliamo assegnare al dominio, In questo caso Alexanderhome, dopodiché dobbiamo scegliere il livello dei funzionalità della foresta.
Questa scelta è importate in riferimento ad eventuali server e client con versioni di Windows precedenti. Ad esempio, se abbiamo un’altro server da inserire nella foresta che esegue una versione 2003 di Windows Server, o se abbiamo dei client che eseguono Windows 2000, dobbiamo scegliere il Livello Windows 2003.
Nel nostro caso abbiamo client Windows XP e nessun server da aggiungere, quindi scegliamo Windows 2008 e proseguiamo.
Essendo il primo DC presente nella foresta deve, obbligatoriamente, essere anche un server di catalogo globale, detto anche DNS. Questa funzionalità si occupa di registrare i nomi dei Pc collegati al dominio e associarli ai relativi indirizzi IP, in modo che le macchine siano raggiungibile sia tramite nome NetBIOS sia IP.

C’è la possibilità che il sistema riporti un errore:

Clicchiamo su Si e proseguiamo. Ci verranno proposti dei percorsi di default per i database, se non abbiamo particolari esigenze lasciamoli intatti e clicchiamo su Avanti.


Come ultimo step diamo un’occhiata al Riepilogo proposto e attendiamo il completamento della procedura. Al successivo riavvio del server ci verrà richiesto di inserire le credenziali per l’accesso al nostro nuovo dominio.

Con questa prima parte abbiamo creato le basi per un server DC aziendale. Nella prossima parte vedremo la realizzazione degli utenti di Active Directory e l’integrazione di un client nel dominio.

Condividi questo articolo: