Windows - Disco non presente

Recentemente mi è capitato un curioso errore sul pc di un cliente. In avvio, e ogni volta che tentavo di aprire una cartella, sopratutto di un disco esterno, compariva un messaggio di errore alquanto strano:


Dopo una piccola ricerca ho rilevato che si tratta di un virus. Più precisamente di una variante del noto Worm Conficker.

Per rimuoverlo definitivamente occorre effettuare una robusta pulizia del pc. Vediamo come.


Prima iniziare a scansionare il pc possiamo rimuovere i file temporanei di Windows e disattivare il Ripristino configurazione di sistema. Queste operazioni preliminari sono abbastanza importanti per due motivi:

  • Spesso i virus e i malware si annidano nelle cartelle temporanee e in quelle nascoste del ripristino di configurazione di sistema. Eliminando questi file potremmo già liberarci di buona parte delle infezioni.
  • Liberare spazio in generale velocizzerà la successiva scansione con i programmi di rimozione.

Per disattivare il Ripristino configurazione di sistema clicchiamo con il tasto destro su Risorse del computer - Proprietà e selezioniamo il tab Ripristino configurazione di sistema.
Spuntiamo la voce Disattiva Ripristino configurazione di sistema e confermiamo con OK.


Disattivando il Ripristino ci siamo assicurati che eventuali infezioni, anche rimosse, non si ripresentino una volta riavviato il pc.

Proseguiamo nella pulizia installando Ccleaner.
Questo piccolo software ci permetterà di ripulire il pc da tutti i file temporanei, in modo da liberare spazio sul disco fisso ed eliminare eventuali minacce residenti nelle directory.

Ad installazione ultimata modifichiamo qualche parametro. Spostiamoci nel tab Opzioni - Avanzate e togliamo la spunta da Cancella files in Windows Temp solo se più vecchi di 24 ore.

Clicchiamo sul tab Pulizia e aggiungiamo la spunta alle voci:

  • File log di Windows
  • Cache DNS
  • Vecchi dati Prefetch
  • File log IIS
  • Disinstallatori Aggiornamenti di Windows


Una volta che abbiamo completato le modifiche clicchiamo sul pulsante Avvia Pulizia e confermiamo. Eseguiamo la stessa operazione sul tab Applicazioni che si trova in alto.

Ora che abbiamo rimosso il grosso dei file temporanei e inutili possiamo dedicarci alla pulizia vera e propria del sistema.

Io consiglio di utilizzare Microsoft Security Essentials.
Si tratta di un potente e leggero antivirus gratuito fornito direttamente da Microsoft. Attualmente è il miglior remover che ho avuto occasione di testare e non ha davvero nulla da invidiare ai concorrenti a pagamento.

Considerando che è meglio avere un solo software antivirus sul pc vi consiglio di rimuovere quello attualmente installato, Security Essentials lo sostituirà egregiamente.

Scarichiamo l'eseguibile e lanciamolo, confermiamo tutte le richieste proposte dal software e, infine, clicchiamo su Installa.

Ad installazione ultimata clicchiamo su Fine e attendiamo che Essentials scarichi le ultime definizioni disponibili. Iniziamo la scansione selezionando Completa dal menu a destra e clicchiamo su Esegui Analisi.


Attendiamo con pazienza che il software porti a termine la scansione e analizziamo i risultati della stessa. Se è stata rilevata qualche minaccia Microsoft Security Essentials la segnalerà con un'icona gialla o rossa a seconda della gravità.

Clicchiamo su Mostra dettagli se vogliamo avere un riepilogo dettagliato delle infezioni altrimenti clicchiamo direttamente su Pulisci Computer.


Una volta completata la rimozione riavviamo il pc. Se tutto è andato a buon fine non dovrebbe più comparire il messaggio di errore Disco non presente.

Questa procedura è la più indicata per eseguire un'efficace pulizia dei virus. In aggiunta a quanto detto è possibile utilizzare anche l'ottimo Malwarebytes come ulteriore strumento di rimozione.
Condividi su Google Plus

Alessandro Giorgis

Diplomato Perito Elettronico anche se la mia vera passione sono i computer. Attualmente lavoro come Sistemista Windows dove mi occupo sopratutto della gestione delle problematiche legate all'hardware e al software nell'ambito aziendale.

0 Commenti:

Posta un commento